Nonostante la relativa "freschezza" del metodo, la fecondazione in vitro è un metodo abbastanza affidabile ed efficace per combattere l'infertilità. Tuttavia, gli scienziati mondiali continuano a cercare e migliorare le tecnologie per rendere la fecondazione in vitro ancora più efficace.

 

Una delle aree in cui il lavoro di ricerca viene costantemente condotto è la conservazione degli embrioni. Sfortunatamente, non tutti i trasferimenti terminano con la gravidanza. Per il nuovo trasferimento dell'embrione vengono utilizzati embrioni precedentemente ottenuti e conservati. Oggi si utilizza il metodo di vitrificazione degli embrioni.

 

La vetrificazione è congelamento ultraveloce con l’utilizzo dell’azoto liquido di cui la temperatura è di circa 196 gradi Celsius. Con questo metodo, tutti i processi avviati nel corpo dell'embrione si fermano completamente, ma dopo lo scongelamento, esso diventa di nuovo assolutamente adatto per l'impianto. Gli embrioni possono essere conservati in tale stato e utilizzati con successo nel protocollo di FIVET fino a diversi decenni.

 

Tuttavia, secondo gli scienziati americani, il metodo di crioconservazione non è l'unico modo per mantenere gli embrioni per un tempo considerevole in uno stato vitale. Ricercatori dell'Università della California (San Francisco, USA) sostengono di essere riusciti a sopprimere l'attività della proteina mTOR agendo sul blastocita con i farmaci. Prima di questo studio, si è ipotizzato che l'embrione allo stadio di blastociti può sopravvivere solo due giorni. Gli specialisti dell'Università della California sono riusciti a fermare i processi di sviluppo per 4 settimane e quindi a "posticipare" la gravidanza.

 

Dopo 4 settimane, quando i farmaci hanno smesso di agire sull'embrione, esso ha continuato il suo sviluppo. La progenie ottenuta nel corso dell'esperimento non differiva da quella di cui lo sviluppo prenatale avveniva in condizioni naturali.

 

Questa condizione dell'embrione viene chiamata diapausa. Gli scienziati non hanno prove confermate che un embrione umano possa entrare in questo stato in modo naturale. Tuttavia, ci sono molte versioni che il meccanismo di "inibizione" della gravidanza è presente nel corpo umano. Questa teoria è supportata dai dati di uno studio condotto da scienziati della Carolina del Nord. Secondo le loro osservazioni, l'ovulo si visualizza nell'utero a 6-12 giorno dopo l'ovulazione. I ricercatori suggeriscono che questa potrebbe essere una reazione a una situazione stressante che si è verificata durante il periodo in cui avveniva il concepimento. Quindi, un organismo saggio dà alla gravidanza una maggiore possibilità di un corso favorevole, "posticipando" per qualche tempo il suo inizio.

 

Con l'esistenza della diapausa naturale, alcuni esperti tendono a spiegare perché il calcolo dei termini della gravidanza dall'inizio dell'ultimo ciclo mestruale può essere errato. Questo errore porta a stime errate dello sviluppo fetale e spesso serve come pretesto per una stimolazione prematura del parto.

 

I risultati delle ricerche degli scienziati dell'Università della California danno la speranza che la diapausa artificiale degli embrioni sarà utilizzata nel protocollo IVF come alternativa alla vetrificazione. Uno degli importanti vantaggi di questo metodo è che la conservazione dell'organismo nella fase dei blastociti offre maggiori opportunità agli specialisti di condurre studi genetici e identificare i disturbi cromosomici.

Raccomandiamo di leggere:

  • La storia della maternità surrogataLa storia della maternità surrogata Casi in cui una coppia sposata per vari motivi non può conoscere i sentimenti d’essere i genitori senza ricorrere ad un aiuto esterno, sfortunatamente, non sono rari. Secondo la ricerca, circa il 10% delle coppie moderne soffre di una ridotta fertilità di diversa genesi. Al giorn... più
  • CariotipoCariotipo Il termine cariotipo indica il patrimonio cromosomico, che riflette l'insieme di tutte le caratteristiche e tratti inerenti alla determinata specie biologica (cariotipo individuale). Il corpo umano può subire mutazioni e cambiamenti, ma il cariotipo rimarrà invariato, quindi non c'&egr... più
  • Perché non riesco a rimanere incinta?Perché non riesco a rimanere incinta? "Non riesco a rimanere incinta." Questa è una lamentela molto comune tra i pazienti dei ginecologi. Nel mondo, circa il 15% delle persone in età riproduttiva soffrono di infertilità di varia origine.Prima di andare dal dottore, di regola, le donne cercano di rimanere incinte per... più
  • Esiste un'alternativa alla vetrificazione?Esiste un'alternativa alla vetrificazione? Nonostante la relativa "freschezza" del metodo, la fecondazione in vitro è un metodo abbastanza affidabile ed efficace per combattere l'infertilità. Tuttavia, gli scienziati mondiali continuano a cercare e migliorare le tecnologie per rendere la fecondazione in vitro ancora più ... più
  • La vitamina B9La vitamina B9 La vitamina B9 è importante per la sintesi di DNA (acido desossiribonucleico), è responsabile della formazione di tessuti embrionali, dello sviluppo fetale a livello cellulare e della formazione di una placenta sana in una futura mamma.Vale la pena di prestare attenzione al fatto che c... più

 



Entering your comment.



* Tutte le informazioni sono strettamente confidenziali e non saranno divulgate

Per favore contattate il nostro coordinatore e lui vi fornirà un piano dettagliato e vi aiuterà ulteriormente.


* Tutte le informazioni sono strettamente confidenziali e non saranno divulgate

Наверх
Закрыть
X

Per eventuali chiarimenti potete contattarci inviando un numero di telefono o un indirizzo email, in seguito il nostro consulente Vi contatterà per rispondere a tutte le Vostre domande.