Riproduzione post-mortem

 

Indubbiamente, gli aspetti della riproduzione post-mortem al giorno d’oggi rimangono molto contraddittori nell’ambito della riproduzione, sia dal punto di vista giuridico che etico. Tuttavia, i programmi nei quali si fa il ricorso alle tecnologie di riproduzione assistita (TRA) per far nascere i bambini dopo la morte dei loro genitori biologici ormai non vengono più considerati come qualcosa di fantastico.
A causa dell'incremento del numero di disastri naturali, delle malattie oncologiche, dei decessi nella zona di guerra, i parenti e gli sposi dei morti si rivolgono sempre più spesso ai medici con una richiesta di "creare" una nuova vita utilizzando il materiale genetico di una persona vicina a loro che purtroppo non c’è più. È chiaro che quando si prende una decisione di questo tipo, occorre tener conto degli interessi di tutte le parti: del genitore deceduto e della parte che decide di avviare tale procedimento (sposo/a, genitori o parenti stretti del defunto) e del futuro bambino.
Al giorno d’oggi esistono diverse opzioni per l'attuazione della riproduzione post-mortem: l'uso di spermatozoi (ovuli) crioconservati durante la vita o il trasferimento di embrioni precedentemente congelati, nonché una direzione completamente nuova - l'estrazione dopo la morte dello sperma del defunto.
Se con i primi due metodi è tutto chiaro, con il secondo che riguarda lo sperma estrato dal defunto c’è sempre una quantità enorme di problemi medici che riguardano diverse possibilità di prelievo degli spermatozoi. Prima di tutto, questo è possibile con il metodo di elettroeiaculazione che stimola il meccanismo eiaculatorio dell'uomo deceduto. Qui vengono utilizzate tecnologie: TESE (Testicular Sperm Extaction: l’asportazione di piccoli frammenti di tessuto testicolare), PESA (Percutaneous Epididymal Sperm Aspiration; il prelievo degli spermatozoi dall’epididimo) e TESA (Testicular Percutaneous Sperm Aspiration; l’aspirazione degli spermatozoi con un ago, direttamente dal testicolo). Inoltre, per l’ottenimento degli spermatozoi possono essere rimossi i testicoli. Indipendentemente dal tipo di metodo che verrà scelto il prelievo degli spermatozoi deve essere effettuato in giro di 24-36 ore dopo la morte del uomo, dopo di che lo sperma viene crioconservato per un ulteriore uso nel programma di riproduzione assistita.
Il primo caso di gravidanza dopo la fecondazione post-mortem si è verificato in Gran Bretagna nel 1997. La moglie del uomo, morto a causa della meningite, ha chiesto ai medici di prelevare il suo seme mentre il marito era in coma. Tuttavia, il giudice ha proibito alla donna non solo di utilizzare lo sperma del marito senza il suo consenso preliminare, ma anche di esportare il materiale in Belgio, dove tale procedura è permessa. Solo dopo essersi rivolta alla Corte di Appello britannica la donna ha ricevuto il permesso di trasportare lo sperma di suo marito in Belgio e quattro anni dopo ha dato la vita ad un bambino sanissimo. Per quanto riguarda gli stessi programmi con l'utilizzo degli ovuli, il procedimento diventa più difficile, in quanto è molto più facile congelare lo sperma che gli ovociti. Tuttavia, tali casi sono possibili.

Raccomandiamo di leggere:

  • Maternità surrogata tradizionale e gestazionaleMaternità surrogata tradizionale e gestazionale Una delle più comuni tecnologie di riproduzione assistita è la maternità surrogata. Consiste nel fatto che una donna volontariamente accetta di portare e dare alla luce un bambino geneticamente estraneo a lei, che in seguito sarà trasferito ai genitori biologici. Inoltre,... più
  • Le sfumature della dieta per i futuri genitoriLe sfumature della dieta per i futuri genitori Un articolo trovato sul web si chiede: “Cos’è utile mangiare per il futuro papà?”. A seguire trovate tutte le spiegazioni di quali cibi siano meglio sia per il futuro padre che per la futura madre. È da dire che sicuramente una dieta non potrà far male, quel che è certo è che non si può sperare in u... più
  • a passeggioa passeggio Molte donne incinte fanno la stessa domanda: è necessario camminare ogni giorno all'aria aperta, soprattutto quando si tratta dell'ultimo trimestre di gravidanza? Rispondendo, tutti i terapeuti e ginecologi sono unanimi: SÌ! E’ necessario fare passeggiate, poiché il bisogn... più
  • L’influenza del cortisolo sui risultati della Fecondazione in VitroL’influenza del cortisolo sui risultati della Fecondazione in Vitro Il successo di una FIVET dipende da molti fattori , tra cui lo stato di salute,l’età e la storia riproduttiva . Alcune ricerche affermano che anche il livello dello stress affrontato da una donna è un fattore molto importante per il successo della Fecondazione in Vitro. È noto che la  condizione di... più
  • IperandrogenismoIperandrogenismo L'iperandrogenismo è una delle cause più comuni di infertilità femminile. Questa è un'anomalia della funzione del sistema ormonale, caratterizzata dall'ipersintesi degli ormoni androgeni. Secondo le statistiche, l'iperandogenismo viene diagnosticato nel 10-20% delle donne... più

 



Entering your comment.



* Tutte le informazioni sono strettamente confidenziali e non saranno divulgate

Per favore contattate il nostro coordinatore e lui vi fornirà un piano dettagliato e vi aiuterà ulteriormente.


* Tutte le informazioni sono strettamente confidenziali e non saranno divulgate

Наверх
Закрыть
X

Per eventuali chiarimenti potete contattarci inviando un numero di telefono o un indirizzo email, in seguito il nostro consulente Vi contatterà per rispondere a tutte le Vostre domande.