La maternità surrogata è un procedimento che viene usato nella medicina riproduttiva. Questo procedimento consiste nel ricorso ad una donna che accetta di portare avanti la gravidanza e dare alla luce un bambino biologicamente estraneo per lei e che dopo il parto sarà dato in affido ai genitori genetici. Questa donna viene chiamata la madre surrogata. Inoltre, i genitori biologici dal punto di vista della legge saranno i genitori di questo bambino a tutti gli effetti, nonostante il fatto che la madre surrogata abbia portato e dato alla luce il bambino.

 Ad oggi, ci sono due tipi di maternità surrogata: tradizionale e gestazionale. Proviamo a capire in cosa consistono e quali sono le loro differenze.

 

 

Maternità surrogata tradizionale

Fin dai tempi antichi, l'umanità conosceva delle situazioni in cui le mogli per una ragione o l'altra non potevano concepire e dare alla luce l'erede. In queste situazioni loro ricorrevano all'aiuto delle serve o schiave, che portavano e partorivano un bambino, il cui padre era il marito della donna infertile. Il primo ricordo della maternità surrogata tradizionale si trova nella Bibbia. I faraoni egiziani ricorrevano spesso a questo metodo, al fine di evitare incesti durante i matrimoni con i parenti stretti. Nell'antica Roma, i mariti spesso "davano al servizio" le loro mogli alle famiglie che non potevano avere i figli.

 

La moderna maternità surrogata tradizionale presuppone l'uso dell'ovocita di una madre surrogata e lo sperma di un padre genetico durante il concepimento. In effetti, la madre surrogata è anche la madre biologica del bambino, visto che dona il proprio ovulo. La concezione può avvenire sia con il metodo dell'inseminazione intrauterina (IUI), sia con il metodo della fecondazione in vitro (FIVET).

Durante l'inseminazione intrauterina (IUI), lo sperma prelevato dal padre biologico viene iniettato nella cavità uterina della madre biologica. La fecondazione avviene con il modo naturale. Con l’utilizzo della fecondazione in vitro l’inseminazione avviene nella provetta, in seguito l'embrione viene trasferito nella cavità uterina della madre surrogata. Questo tipo di maternità surrogata viene utilizzato quando il gamete della madre biologica non è adatto all'uso e per ottenere l'embrione si utilizza un ovulo della donatrice.

 

Maternità surrogata gestazionale

Questo tipo di maternità surrogata presuppone la fecondazione dell'ovocita della madre biologica con lo sperma prelevato dal padre biologico, ed in seguito il trasferimento dell’embrione avviene nell’utero di una donna esterna che sarebbe la madre surrogata. Questo esclude completamente la connessione genetica della madre surrogata con il feto.

Durante la procedura di fecondazione in vitro, in una provetta l'ovulo viene fecondato con lo sperma. Durante il periodo di tre o cinque giorni, l'embrione si sviluppa sotto la supervisione dell’embriologo, se necessario, vengono eseguite anche le analisi genetiche. Solo se l’embrione è di buona qualità e geneticamente sano, viene trasferito nell'utero della madre surrogata. Da questo momento in poi, la madre surrogata porterà avanti la gravidanza e partorirà il bambino, come accadrebbe nel caso di una gravidanza normale.

 

 

Raccomandiamo di leggere:

  • I bambini sono sani dopo la fecondazione in vitro?I bambini sono sani dopo la fecondazione in vitro? Malattie congenite. I bambini nati dopo la fecondazione in vitro ed altre tecniche di riproduzione assistita (TRA, ICSI, programmi di maternità surrogata e donazione) sono più di 4 milioni in tutto il mondo. Le statistiche mostrano che la frequenza di malattie congenite dei bambini in provetta non ... più
  • 14 consigli che aiuteranno a salvare la fertilità14 consigli che aiuteranno a salvare la fertilità Non abusate del caloreIl calore è più pericoloso per gli uomini. La temperatura nello scroto è di 2-3 gradi al di sotto della temperatura corporea. Un tale regime di temperatura è ottimale per i testicoli, e il surriscaldamento dello scroto può comportare alla cess... più
  • Fertilità e orologio biologicoFertilità e orologio biologico Orologio biologico della donna è un concetto che si riferisce alla capacità del corpo femminile di riprodursi e di dare una nuova vita. Negli ultimi decenni, l'orologio cominciva a ticchettare all'età di trent'anni perciò le donne si affrettarono a realizzare sé st... più
  • Prima della procedura di fecondazione in vitroPrima della procedura di fecondazione in vitro Prima della procedura di fecondazione in vitro, la futura madre dovrebbe sottoporsi ai seguenti esami:Esame del sangue per la determinazione del gruppo sanguigno e fattore Rh. Questa analisi viene effettuata una volta, ma è necessaria, anche se si ha una nota sull'analisi fatta in precedenza.... più
  • Qual e` la differenza tra i bambini di “donatori” e adottati?Qual e` la differenza tra i bambini di “donatori” e adottati? È abbastanza comune che una coppia non abbia a disposizione i propri ovuli e spermatozoi. È ugualmente comune che una donna single senza ovuli voglia usare lo sperma di un donatore. Motivo di sorpresa è il fatto che anche gli ovuli dovranno essere presi da una donatrice. In questi casi vengono util... più

 



Entering your comment.



* Tutte le informazioni sono strettamente confidenziali e non saranno divulgate

Per favore contattate il nostro coordinatore e lui vi fornirà un piano dettagliato e vi aiuterà ulteriormente.


* Tutte le informazioni sono strettamente confidenziali e non saranno divulgate

Наверх
Закрыть
X

Per eventuali chiarimenti potete contattarci inviando un numero di telefono o un indirizzo email, in seguito il nostro consulente Vi contatterà per rispondere a tutte le Vostre domande.