Molte donne incinte fanno la stessa domanda: è necessario camminare ogni giorno all'aria aperta, soprattutto quando si tratta dell'ultimo trimestre di gravidanza? Rispondendo, tutti i terapeuti e ginecologi sono unanimi: SÌ! E’ necessario fare passeggiate, poiché il bisogno di ossigeno per una donna incinta aumenta del 30 percento. Il futuro bambino per uno sviluppo normale ha bisogno di un respiro profondo della madre. Pertanto, più si cammina per la strada, più il sangue è saturo di ossigeno e in questo modo il bambino si sente meglio.

Se l'ossigeno non basta al bambino, questo può portare a ipossia del feto dovuta alla fame di ossigeno. La mancanza dell’ossigeno può comportare un ritardo nella crescita del bambino e delle anomalie nel sistema nervoso centrale. E anche se il parto era normale, il bambino era nato, a prima vista, sano, l'ipossia trasferita può influenzare lo stato emotivo del bambino: eccitazione eccessiva, irrequietezza, scarsa concentrazione e attenzione. Inoltre, questi bambini cominciano a sedersi, a gattonare, a camminare più tardi degli altri.

Naturalmente, è importante considerare il posto della passeggiata. È meglio se si tratta di un parco o una foresta, dove è tranquillo, silenzioso, non c'è rumore e polvere dalla strada, dove non sarai nervoso e respirerai aria pulita. Certo, in una megalopoli è difficile essere in constante contatto con la natura. Tuttavia, senza aria fresca sia tu che e il tuo futuro bambino starete male.

2-3 ore al giorno, ma non bisogna stancare se stessi con una lunga camminata. Meglio dividerla a pezzi: mattina, pomeriggio, sera. D’estate, bisogna evitare di uscire all'ora di pranzo, è meglio andare a piedi la sera o al mattino presto, quando fuori non fa troppo caldo. Ricordate, il farmaco principale è l'aria pulita.

Se la strada è scivolosa, ventosa o sta piovendo bisogna evitare di camminare soli. Ma si ha davvero bisogno di andare, è meglio aspettare una persona cara che ti possa accompagnare.

Per la passeggiata vanno scelti scarpe e vestiti comodi. Non dimenticare di prendere l'acqua (soprattutto d'estate), il telefono (in caso di emergenza) e il buonumore. Quest'ultimo è particolarmente importante, poiché le emozioni della futura madre vengono trasmesse al bambino. Perciò, circondati delle melodie della natura, per favore occhio ai paesaggi meravigliosi e sii in salute!

Raccomandiamo di leggere:

  •  Per quanto tempo bisogna astenersi dalle bevande alcoliche prima del concepimento? Per quanto tempo bisogna astenersi dalle bevande alcoliche prima del concepimento? Il corpo umano è il sistema più perfetto e più delicato, organizzato dalla natura stessa. Dipende dai genitori quali qualità saranno trasmessi alla prole, le migliori (forte immunità, fermezza, intelletto) o distorte, che appaiono nel codice genetico sotto l'influe... più
  • Da cosa consiste il costo della FIVET (fecondazione in vitro)Da cosa consiste il costo della FIVET (fecondazione in vitro) Una serie di fattori che influenzano la formazione del costo della fecondazione in vitro include anche una serie di procedure, analisi e studi, ad esempio la diagnosi genetica preimpianto (PGD). La PGD viene utilizzata per studiare il genoma dell'embrione e consente di selezionare embrioni geneticam... più
  • In realtà, gli antiossidanti aiutano a tutte le cellule di continuare a vivere e lavorareIn realtà, gli antiossidanti aiutano a tutte le cellule di continuare a vivere e lavorare Di solito il corpo fa fronte ai radicali liberi da solo, ma se la dieta è a basso contenuto degli antiossidanti o se i radicali liberi si formano in grandi quantità, il danno cellulare diventa enorme. Ciò ha un effetto negativo sulla salute e può portare all'invecchiament... più
  • Nipote o figlio?Nipote o figlio? Corte d'Appello di Londra ha posto fine al caso, che è durato 5 anni, e ha dato il permesso di condurre un programma di maternità surrogata molto insolito. Tutto è insolito in questo programma. Il fatto è che la sessantenne Signora M. diventerà la madre surrogata e... più
  • Riproduzione post-mortem (II)Riproduzione post-mortem (II) Nel 1999 una donna di 21 anni ha chiesto di prelevare gli ovuli dalla sua sorella di 19 anni, il cui cervello è morto dopo un incidente d'auto, per la loro crioconservazione e la successiva concezione del bambino. Gli specialisti dell'Università di Washington hanno soddisfatto la sua r... più

 



Entering your comment.



* Tutte le informazioni sono strettamente confidenziali e non saranno divulgate

Per favore contattate il nostro coordinatore e lui vi fornirà un piano dettagliato e vi aiuterà ulteriormente.


* Tutte le informazioni sono strettamente confidenziali e non saranno divulgate

Наверх
Закрыть
X

Per eventuali chiarimenti potete contattarci inviando un numero di telefono o un indirizzo email, in seguito il nostro consulente Vi contatterà per rispondere a tutte le Vostre domande.